Alias-Pseudonimo-Pseudonyme: -
Nationality-Nazionalità-Nationalité: France-Francia
Birth/death-Nascita/morte-Naissance/mort: 1893-1941
Means of transport-Mezzo di trasporto-Moyen de transport: Boat-ship, Barca-nave, Bateau
Geographical description-Riferimento geografico-Référence géographique: Around the World-Giro del mondo-Tour du monde
Internet: https://fr.wikipedia.org/wiki/Alain_Gerbault
Wikidata: https://www.wikidata.org/wiki/Q2139295
Additional references-Riferimenti complementari-Références complémentaires: Gerbault A., Seul à travers l'Atlantique, Grasset, 1925.
Inscriptions-Iscrizioni-Inscriptions: Alain Gerbault sur le Firecrest
Write comment (0 Comments)

Alias-Pseudonimo-Pseudonyme: -
Nationality-Nazionalità-Nationalité: USA
Birth/death-Nascita/morte-Naissance/mort: -
Means of transport-Mezzo di trasporto-Moyen de transport: Car or similar, Mezzi a motore, Moyen motorisé
Geographical description-Riferimento geografico-Référence géographique: USA
Internet: http://www.gutenberg.org/ebooks/author/36329
Additional references-Riferimenti complementari-Références complémentaires: Gladding E. P., Across the Continent by the Lincoln Highway, New York: Brentano’s, 1915.

A FOREWORD THAT IS A RETROSPECT
From the Pacific to the Atlantic by the Lincoln Highway, with California and the Virginias and Maryland thrown in for good measure! What a tour it has been! As we think back over its miles we recall the noble pines and the towering Sequoias of the high Sierras of California; the flashing water-falls of the Yosemite, so green as to be called Vernal, so white as to be called Bridal Veil; the orchards of the prune, the cherry, the walnut, the olive, the almond, the fig, the orange, and the lemon, tilled like a garden, watered by the hoarded and guarded streams from the everlasting hills; and the rich valleys of grain, running up to the hillsides and dotted by live oak trees. We recall miles of vineyard under perfect cultivation. We see again the blue of the Pacific and the green of the forest cedars and cypresses. High Lake Tahoe spreads before us, with its southern fringe of emerald meadows and forest pines, and its encircling guardians, lofty and snow-capped. The high, grey-green deserts of Nevada, Utah, and Wyoming stretch before us once more, and we can smell the clean, pungent sage brush. We are not lonely, for life is all about us. The California quail and blue-jay, the eagle, the ground squirrel, the gopher, the coyote, the antelope, the rattlesnake, the big ring snake, the wild horse of the plains, the jack rabbit, the meadow lark, the killdeer, the red-winged blackbird, the sparrow hawk, the thrush, the redheaded wood-pecker, the grey dove, all have been our friends and companions as we have gone along. We have seen them in their native plains and forests and from the safe vantage point of the front seat of our motor car.
The lofty peaks of the Rockies have towered before us in a long, unbroken chain as we have looked at them from the alfalfa fields of Colorado.
We have seen the bread and the cornbread of a nation growing on the rolling prairies of Nebraska, Iowa, and Illinois. We have crossed the green, pastoral stretches of Indiana and Ohio and Pennsylvania. The red roads of Virginia, winding among her laden orchards of apples and peaches and pears and her lush forests of oak and pine; the yellow roads of Maryland, passing through her fertile fields and winding in and out among the thousand water ways of her coast line, all come before us. These are precious possessions of experience and memory, the choice, intimate knowledge to which the motorist alone can attain.
The Friends of the Open Road are ours; the homesteader in his white canopied prairie schooner, the cattleman on his pony, the passing fellow motorist, the ranchman at his farmhouse door, the country inn-keeper hospitably speeding us on our way.
We have a new conception of our great country; her vastness, her varied scenery, her prosperity, her happiness, her boundless resources, her immense possibilities, her kindness and hopefulness. We are bound to her by a thousand new ties of acquaintance, of association, and of pride.
The Lincoln Highway is already what it is intended to be, a golden road of pleasure and usefulness, fitly dedicated, and destined to inspire a great patriotism and to honour a great patriot.

October, 1914.

Gladding E. P., Across the Continent by the Lincoln Highway, New York: Brentano’s, 1915.

Write comment (0 Comments)

Alias-Pseudonimo-Pseudonyme: -
Nationality-Nazionalità-Nationalité: Italy, Italia, Italie
Birth/death-Nascita/morte-Naissance/mort: -
Means of transport-Mezzo di trasporto-Moyen de transport: Bike, tricycle-Bicicletta, triciclo-Vélo, tricycle
Geographical description-Riferimento geografico-Référence géographique: Around the World-Giro del mondo-Tour du monde
Internet: http://www.keepbrave.com
Additional references-Riferimenti complementari-Références complémentaires: Paola Gianotti, Sognando l’infinito, Come ho fatto il giro del mondo in bicicletta, Piemme, 2015.

Giro del mondo in bici
Paola Gianotti ce l’ha fatta
Per la crisi ha chiuso l’azienda, l’8 marzo è partita, oggi è tornata nella sua Ivrea. E’ la seconda donna a riuscirci: 144 giorni e 29.430 chilometri

Paola Gianotti ce l’ha fatta. E’ tornata a Ivrea dopo aver completato il giro del mondo in bici: seconda donna a riuscirci, dopo la greca Juliana Bhuring nel 2012. Un’impresa nell’impresa: partita l’8 marzo, la torinese, 32 anni, era stata costretta a fermarsi per un brutto incidente in Arizona. Ha ripreso a pedalare il 16 settembre e oggi è arrivata: dopo 144 giorni e 29.430 chilometri.

LAUREA — Così aveva descritto la sua impresa: “Ciao, sono Paola, ho 32 anni e vivo a Montalto, un piccolo paese della cintura di Ivrea, in provincia di Torino. Mi sono laureata in Economia e Commercio ma la mia passione è lo sport ed è una passione talmente forte che mi ha portato a praticare dal triathlon allo sci alpinismo, dalla thai-box al sub. Fin da piccola ho viaggiato in camper con la mia famiglia. Rimanevo affascinata tutte le volte che incontravo dei cicloturisti e così mi ripromisi che da grande avrei provato il giro del mondo in bicicletta. Quando ho compiuto diciotto anni ho iniziato a seguire e progettare con mia sorella tante avventure. Zaino in spalla e mete lontane: Swaziland, Himalaya, Kilimangiaro, Aconcagua, Galapagos… Un turbinio di mete affascinanti per esplorazioni mozzafiato che mi hanno lasciato un bagaglio incredibile di emozioni, ricordi e sogni! Ad un certo punto, per colpa della crisi economica, la mia azienda ha chiuso e allora mi sono detta “Ora a mai più”. Mi sono rimboccata le maniche e ho incominciato a pianificare l’Avventura, quella con la A maiuscola: KeepBrave!”. La sua tesi sull’Olimpiade invernale del 2006.
Paola con la sua bici Cinelli

Paola con la sua bici Cinelli
i costi — L’avventura è pagata dagli sponsor. “L’intera operazione costerà 45mila euro — disse alla Gazzetta prima di partire —. I costi maggiori sono per i camper, 20mila euro, e i biglietti aerei per tre persone, 10mila euro: abbiamo ottenuto forti sconti con la sponsorship tecnica. Ho contattato 2500 aziende: 400 hanno risposto con i complimenti e un gentile “In bocca al lupo”, una decina, invece ha deciso di collaborare. Naturalmente sarò spartana. Niente hotel: il camper sarà la mia microcasa”.
I DATI — Paola ha fatto gare di triathlon, è salita sull’Aconcagua, m 6962, e sul Kilimangiaro, m 5895, nel 2013 ha percorso 21mila chilometri in bicicletta. Ancora alla Gazzetta, prima del via: “Devo fare 200 chilometri al giorno. Ho una bici Cinelli in acciaio, fatta apposta. Pesa 8 chili e mezzo, due più del peso possibile, ma abbiamo preferito la resistenza alla leggerezza”. La media? “Devo tenere i 25 all’ora per 8-9 ore al giorno”. La massima quota? “Abbiamo cercato di eliminare le salite, ma non è stato possibile. Sulle Ande dovrò salire a 4mila metri”. Che cosa teme? “Il clima. Può sconvolgere ogni progetto. Abbiamo scelto la stagione intermedia per evitare il caldo e il freddo estremi. Ma troveremo le piogge. Dovrò coprirmi bene. In Australia attraverserò il deserto. Col caldo dovrò bere molto. E poi c’è il vento che ti può rallentare e distruggere”. Conta la testa? “La parte fisica entra al 50%. La parte psicologica è l’altro 50%”.

http://www.gazzetta.it/Ciclismo/30-11-2014/giro-mondo-bici-paola-gianotti-ce-l-ha-fatta-100102143977.shtml?refresh_ce-cp

Write comment (0 Comments)

Alias-Pseudonimo-Pseudonyme: -
Nationality-Nazionalità-Nationalité: -
Birth/death-Nascita/morte-Naissance/mort: 1841-1905
Means of transport-Mezzo di trasporto-Moyen de transport: On horseback-A cavallo-A cheval
Geographical description-Riferimento geografico-Référence géographique: North America-America del Nord-Amérique du Nord
Internet: http://www.timesunion.com/albanyrural/glazier/

Willard Glazier was the ultimate ironman and a peerless survivor. He lived by his sword and by his pen.


The quintessential self-made man grew up poor on a farm in St. Lawrence County and dropped out of school to make a living as a trapper in the wilds of the North Country. He saved enough to buy a horse and at 18 rode to Albany. He enrolled in 1859 at the State Normal School (now the University at Albany), with the intent of becoming a teacher. He ran out of money after a semester and had to leave, but he picked up temporary teaching jobs in rural Rensselaer County while periodically returning to college when he had enough cash.

In 1861, Glazier, most of his college classmates and two instructors enlisted in the Union Army. Since he had a horse, he was assigned to cavalry and the 2nd Regiment of New York.

He was taken prisoner Oct. 18, 1863, in a Civil War battle at Buckland Mills, Va. He escaped from confinement in Columbia, S.C,. was recaptured near Springfield, Ga., escaped again and with the help of several African-Americans, made his way safely back home to Albany. But his term of service had expired and he re-entered the Union Army as 1st lieutenant with the 26th New York Cavalry. He served with valor until the end of the war and was promoted to brevet general for “meritorious service.”

He married Harriet Ayers of Cincinnati in 1868, an understanding wife who supported Glazier’s unquenchable wanderlust.

He transformed himself into an explorer and adventure travel writer. He rode a horse from Boston to San Francisco, beginning in 1875 and finishing a year later. He was captured by Native Americans in the Wyoming territory and escaped, which helped sell copies of his 
book, “Ocean to Ocean on Horseback.”

In 1881, he set out to travel the entire 2,300-mile length of the Mississippi River by canoe. His adventures yielded two books and the discovery of what he considered the true source of the Mississippi. Although it was disputed as the source, Lake Glazier was named in his honor.

In addition, he organized a regiment for the Spanish-American War, had a river named for him after exploring uncharted territory on the Labrador peninsula, wrote several best-selling books and lectured around the U.S.

Glazier traveled a lot of hard miles and died at age 64 in 1905. His final resting place is among “Millionaires’ Row,” in Section 29, Lot 26, and his large granite marker is strikingly visual: crossed swords, a bugle, canteen, a waving American flag and a long list of accomplishments that kept a stone carver’s chisel ringing for days.

http://www.timesunion.com/albanyrural/glazier/

 

Write comment (0 Comments)

Alias-Pseudonimo-Pseudonyme: -
Nationality-Nazionalità-Nationalité: -
Birth/death-Nascita/morte-Naissance/mort: 1944-2015
Means of transport-Mezzo di trasporto-Moyen de transport: On foot-A piedi-A pied
Geographical description-Riferimento geografico-Référence géographique: Europe-Europa
Additional references-Riferimenti complementari-Références complémentaires: Giorgetti E., Da Horgen ad Agrigento a piedi. Giovanni Giarrana, 65 anni, ha varcato ieri il confine a Chiasso, Corriere del Ticino, 04.06.2009.

Giovanni Giarrana: un militante infaticabile

21.05.2015

Con tristezza il sindacato Unia ha appreso la scomparsa dell’amico e militante sindacale di lunga data Giovanni Giarrana. Il suo impegno per il nostro sindacato, dove in passato aveva ricoperto la carica di copresidente della commissione dei migranti, è stato per anni infaticabile. Solo nel marzo scorso aveva partecipato per Unia a Tunisi al Forum sociale mondiale, dove aveva organizzato un gruppo di lavoro sul tema dei profughi che arrivano sulle coste della Sicilia, sua isola natale.

Ralph Hug lo aveva ritratto nel libro «Il sindacato in movimento», pubblicato in occasione dei 10 anni di Unia. Ve ne proponiamo un riadattamento.

Il suo motto era «meglio morire al fronte che nel proprio letto». I suoi principi erano rossi sgargianti proprio come la maglietta che era solito indossare: già suo padre era socialista e lui lo era ancora di più. «Adesso deve finalmente succedere qualcosa!» era una delle sue frasi preferite.

Il primo sciopero lo aveva fatto quando frequentava la scuola professionale in Sicilia. Nell’istituto di meccanica mancavano gli attrezzi. Gli apprendisti erano bloccati e il direttore faceva spallucce. Dopo tre giorni di resistenza gli attrezzi sono arrivati. Da allora Giarrana ha capito che «uno dei grossi problemi italiani è la corruzione». Aveva anche imparato che chi protesta deve fare i conti con delle punizioni anche se ha ragione. Alla fine dell’anno scolastico invece di ricevere un nove si è visto assegnare solo un sette.

Già ai tempi dell’FLMO Giarrana presidiava la commissione dei migranti. «L’abbiamo spuntata contro la volontà di molti colleghi», ricordava. Quello della migrazione è stato il tema della sua vita. Ne ha viste di tutti i colori: l’atteggiamento ostile al confine svizzero di Chiasso, l’umiliazione dei controlli sanitari alla frontiera, la vita per otto anni nelle baracche, la discriminazione sul posto di lavoro e nella ricerca di un alloggio. Tutto questo lo aveva rafforzato nella convinzione che se si vuole migliorare bisogna combattere.

Lui non aveva mai voluto diventare un funzionario anche se lo avrebbero accolto a braccia aperte. «Il mio posto è nella base», affermava convinto. Se il sindacato non ha persone di fiducia nelle fabbriche non è niente. Esso vive se si sviluppa dal basso verso l‘alto e non viceversa.

Giarrana aveva lavorato molti anni alla Escher-Wyss come lo testimoniano le foto che lo ritraggono tra enormi turbine. Un bel giorno, quando ricopriva la carica di presidente della commissione di fabbrica, è stato licenziato per aver criticato davanti ad una folla il capo dell’impresa che voleva tagliare 200 posti di lavoro. Ciò che non era necessario, come aveva scoperto Giarrana. Uno come lui non cadeva per questo in depressione. Poco dopo aveva trovato un altro lavoro presso la Burkhard Compression a Oberwinterthur. Vi è rimasto sino al pensionamento nel 2009.

Invece di riposarsi sull’amaca, il giorno dopo ha cominciato un’azione spettacolare: ha percorso 2500 chilometri a piedi per raggiungere il suo villaggio natale in Sicilia. «Naturalmente si è trattato di una marcia di protesta», contro la guerra, per la pace e la solidarietà precisa. Le telecamera erano presenti al momento della partenza e dell’arrivo a Ravanusa, in provincia di Agrigento, dove era nato nel 1944.
Giovanni Giarrana era un uomo pieno di energia. Il suo dinamismo era contagioso e il suo sorriso più luminoso del sole della Sicilia. Sino alla fine ha lottato contro la xenofobia e la nuova esclusione.
«Trenta anni d’integrazione sono serviti a poco. Siamo stati troppo buoni». Adesso ci vogliono metodi più forti. Aveva in mente molte cose. Ma quello che gli sarebbe piaciuto di più era un giorno di sciopero colorato, allegro e simbolico da parte di tutte le migranti e tutti i migranti in Svizzera. Come lo sciopero delle donne del 1991. Per mostrare  ai «cari svizzeri che senza di noi non funziona niente».

http://www.unia.ch/it/mondo-del-lavoro/da-a-z/migranti/attualita/articolo/a/11196/

 

Write comment (0 Comments)

Alias-Pseudonimo-Pseudonyme: -
Nationality-Nazionalità-Nationalité: -
Birth/death-Nascita/morte-Naissance/mort: -
Means of transport-Mezzo di trasporto-Moyen de transport: Motorbike-moped, Motocicletta-motorino, Moto-cyclomoteur
Geographical description-Riferimento geografico-Référence géographique: Germany-Germania-Allemagne
Write comment (0 Comments)

Alias-Pseudonimo-Pseudonyme: -
Nationality-Nazionalità-Nationalité: Australia
Birth/death-Nascita/morte-Naissance/mort: -
Means of transport-Mezzo di trasporto-Moyen de transport: On foot-A piedi-A pied
Geographical description-Riferimento geografico-Référence géographique: Australia
Internet: http://www.redcrossfundraising.org.au/mark_gibbens_9

Meet Mark Gibbens, a 50 year old Australian Registered Nurse and Ultra Distance Walker.
In 2006, after living in Japan for eight years, he was determined to repay the kindness of the Japanese people. So with the support of the Japanese Medical Association he walked the length of Japan (3000km) from Sada Misaki to Sato Misaki with the simple message of "No Smoking Is Love", in the process generating millions of dollars of health promotion advertising.
Building on this success, in 2009 with the support of Australian Rotary Health and individual Rotary Clubs across the country, he walked 5200km solo across Australia, raising $25,000 for Children's Cancer Research.
His next endeavour - walking from San Francisco to New York - 5000km in 50 days, to raise money for Red Cross water and sanitation projects. His plan is to leave from Lincoln Park, San Francisco on Saturday the 24th of August 2013 and arrive in Times Square, New York on Saturday the 12th of October 2013.

https://www.advance.org/articles/meet-mark-gibbens

Write comment (0 Comments)

Alias-Pseudonimo-Pseudonyme: -
Nationality-Nazionalità-Nationalité: Italy, Italia, Italie
Birth/death-Nascita/morte-Naissance/mort: -
Means of transport-Mezzo di trasporto-Moyen de transport: Car or similar, Mezzi a motore, Moyen motorisé
Geographical description-Riferimento geografico-Référence géographique: Europe-Europa, Asia
Internet: http://www.torinopechino.it

Nicola Dini ci ha raggiunto a Pechino in aereo ed ha fatto il ritorno con noi in auto. Simone Boncompagni ci ha accompagnato fino a Torino ed è stato un importante aiuto logistico dall'Italia. Emanuele è stato compagno di viaggio nella Roma-Volgograd 2011.

Da Torino a Pechino a GPL!

25.852 sono i chilometri che questi temerari hanno percorso dal 5 Luglio al 22 Settembre per arrivare fino a Pechino e tornare con una Fiat Marea alimentata a GPL con un impianto Teleflex SGI fornito da IMEGA .

Un’impresa ardua ma conclusasi nel migliore dei modi e con la soddisfazione di aver percorso più del 90% del viaggio in “ecologia” cioè con il solo GPL!

Come ci dice Guido (pilota e responsabile della “spedizione”) negli oltre 25mila chilometri nessun problema ha fermato il viaggio (fatta eccezione dei cammelli e della sabbia nel deserto del Gobi) e, sia l’auto che l’impianto SGI IMEGA, non hanno mai dato cenni di cedimento.

“E’ stata una grande impresa” dicono i protagonisti che nei 30 giorni circa dell’andata hanno attraversato 7 paesi (Italia, Slovenia, Ungheria, Ucraina, Russia, Mongolia e Cina) e nei 50 giorni del ritorno ben 12  (Cina, Kazakhstan, Uzbekistan, Turkmenistan, Iran, Turchia, Bulgaria, Serbia, Bosnia, Croazia, Slovenia e Italia) e consegnato un messaggio di pace e di amicizia ai funzionari di Pechino in occasione dell’apertura delle Olimpiadi.
http://www.imega.it/notizie/da-torino-a-pechino-a-gpl_i7

Write comment (0 Comments)
Write comment (0 Comments)

Alias-Pseudonimo-Pseudonyme: -
Nationality-Nazionalità-Nationalité: -
Birth/death-Nascita/morte-Naissance/mort: -
Means of transport-Mezzo di trasporto-Moyen de transport: Bike, tricycle-Bicicletta, triciclo-Vélo, tricycle
Geographical description-Riferimento geografico-Référence géographique: North America-America del Nord-Amérique du Nord
Internet: https://peggynewland.com
Additional references-Riferimenti complementari-Références complémentaires: Goetz P. N., Goetz B., The adventure of two lifetimes, Liberty Corner, Anacus Press, 2001.
Write comment (0 Comments)