Perché viaggiare se non si è obbligati a farlo? [...]
Perché la questione non è viaggiare, quanto partire: chi di noi non ha qualche dolore da dimenticare o qualche giogo da scrollarsi di dosso?
(Sand George, 1869)

Citata in Berrino Annunziata, Storia del turismo in Italia, Bologna, Il mulino, 2011.

Non è dunque la condizione umana a spingere a partire, ma il senso di disagio nella civiltà contemporanea a porre in uomini e donne il bisogno periodico di una tregua, di un allentamento, di un sollievo.

Berrino Annunziata, Storia del turismo in Italia, Bologna, Il mulino, 2011.

Mi misi per 'la strada’ perché non potevo farne a meno; perché non avevo in tasca i soldi del biglietto ferroviario; perché ero fatto in modo tale che non riuscivo a passare tutta la vita 'allo stesso turno’; perché... insomma perché era più facile farlo che non farlo.

London, Jack. 1930. La Strada. Milano: Casa Editrice Bietti.

Pagina 11 di 11

Sostienici

La documentazione di questo sito è messa a disposizione gratuitamente e senza pubblicità. Considera la possibilità di sostenerci anche con una piccola donazione. Lo scopo finale è quello di creare un museo che raccolga e valorizzi documenti, storie e testimonianze materiali e immateriali dedicati al viaggio e al turismo. Ti sembra una buona idea ? Contattaci per i dettagli.



Submit globetrotter's name

Loading, please wait..

Submit link

Suggerisci collegamento - Soumettre un lien - Link melden

Loading, please wait..

Giramondo, Globetrotters, Globetrotteurs

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by L.THEME