Facebook page

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Alla fine dell'Ottocento Luigi Vittorio Bertarelli, fondatore del Touring Club Ciclistico Italiano, percorse le strade della Calabria e della Basilicata.

 

Pseudonimo: -

Iscrizioni: -

Nazionalità: Italiana

Nascita-morte: -

Riferimento geografico: Italia

Mezzo di trasporto: -

Riferimenti complementari: Bertarelli, L. V. Insoliti Viaggi: L’appassionante Diario Di Un Precursore. 1. ed. Reportage 1900. Reportage 1900. Milano: Touring club italiano, 2004.

ID: w1709

Internet: -

Wikidata: https://www.wikidata.org/wiki/Q3840250

Write comment (0 Comments)

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Joseph Pearson aderì al club di ciclisti di Sydney Wanderers nel 1882, partecipando a diverse gare e percorrendo lunghe tratte fino a Melbourne. Annotò con precisione le tappe, i percorsi, lo stato delle strade percorse e le possibilità di ristoro. In sei anni percorse circa 12'000 miglia (19'300 km) con un velocipede.

Nel 1893 si avventurò sulle strade della Gran Bretagna e del vecchio continente, per un totale di 3’500 miglia (5’633 km). Prendendo spunto dalle cartine acquistate in Europa, nel 1896 pubblicò la Cyclists' Touring Guide of New South Wales. Seguirono diverse altre pubblicazioni (carte e guide) che divennero per decenni dei compagni indispensabili per ciclisti o cilomotoristi.

 

Pseudonimo: -

Iscrizioni: -

Nazionalità: Australiana

Nascita-morte: 1849 - 1939

Riferimento geografico: Australia, Europa

Mezzo di trasporto: Bicicletta, monociclo, triciclo

Riferimenti complementari: -

ID: w2356

Internet: -

Wikidata: https://www.wikidata.org/wiki/Q21535945

Write comment (0 Comments)

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Agatha Christie è una della autrici più conosciute e lette a livello planetario. Nel 2013 è stato pubblicato un volume che raccoglie lettere e fotografie del giro del mondo che la Christie realizzò nel 1922. Il viaggio di un anno la portò in Sud Africa, Australia, Nuova Zelanda, Hawaii e Canada.

Unpublished for 90 years, Agatha Christie’s extensive and evocative letters and photographs from her year-long round-the-world trip to South Africa, Australia, New Zealand, Canada and America as part of the British trade mission for the famous 1924 Empire Exhibition.

In 1922 Agatha Christie set sail on a 10-month voyage around the British Empire with her husband as part of a trade mission to promote the forthcoming British Empire Exhibition. Leaving her two-year-old daughter behind with her sister, Agatha set sail at the end of January and did not return until December, but she kept up a detailed weekly correspondence with her mother, describing in detail the exotic places and people she encountered as the mission travelled through South Africa, Australia, New Zealand, Hawaii and Canada.

The extensive and previously unpublished letters are accompanied by hundreds of photos taken on her portable camera as well as some of the original letters, postcards, newspaper cuttings and memorabilia collected by Agatha on her trip.

Edited and introduced by Agatha Christie’s grandson, Mathew Prichard, this unique travelogue reveals a new side to Agatha Christie, demonstrating how her appetite for exotic plots and locations for her books began with this eye-opening trip, which took place just after only her second novel had been published (the first leg of the tour to South Africa is very clearly the inspiration for the book she wrote immediately afterwards, The Man in the Brown Suit). The letters are full of tales of seasickness and sunburn, motor trips and surf boarding, and encounters with welcoming locals and overbearing Colonials.

The Grand Tour is a book steeped in history, sure to fascinate anyone interested in the lost world of the 1920s. Coming from the pen of Britain’s biggest literary export and the world’s most widely translated author, it is also a fitting tribute to Agatha Christie and is sure to fascinate her legions of worldwide fans.

Pseudonimo: -

Iscrizioni: -

Nazionalità: Inglese

Nascita-morte: 1890-1976

Riferimento geografico: Giro del mondo

Mezzo di trasporto: Diversi

Riferimenti complementari: Christie, Agatha. The Grand Tour: Around the World with the Queen of Mystery. New York: William Morrow Paperbacks, 2013.

ID: w2871

Internet: https://it.wikipedia.org/wiki/Agatha_Christie

Wikidata: https://www.wikidata.org/wiki/Q35064

Write comment (0 Comments)

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Luigi Masetti, il primo e forse il più conosciuto cicloturista italiano dell’Ottocento, frequentò periodicamente Lugano e Locarno. Dal 1892 al 1900 percorse decine di migliaia di chilometri in giro per il mondo. Nel 1892 percorse 3'500 km sulle strade del Vecchio Continente. L'anno seguente, sponsorizzato dal Corriere della sera, partì da Milano per raggiungere la World Columbian Exposition a Chicago. Nel 1900 si dedicò ad un viaggio di 18'000 km tra Italia, Marocco, Nord Europa, Russia, Turchia.

 

Pseudonimo: Anarchico delle due ruote

Iscrizioni: Ricordo del viaggio ciclistico

Nazionalità: Italiana

Nascita-morte: 1864 - 1940

Riferimento geografico: Giro del mondo

Mezzo di trasporto: Bicicletta, monociclo, triciclo

Riferimenti complementari: Rossi L., L’anarchico delle due ruote : Luigi Masetti: il primo cicloviaggiatore italiano, Milano-Chicago e altre imprese di fine Ottocento, Portogruaro : Ediciclo, 2008

ID: w2249

Internet: https://it.wikipedia.org/wiki/Luigi_Masetti

Wikidata: https://www.wikidata.org/wiki/Q3839867

Write comment (0 Comments)

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Aldo Arrighi e Carla Figini hanno percorso le coste europee partendo da Como, destinazione Capo Nord, per un totale di 24'000 km percorsi.

 

Pseudonimo: -

Iscrizioni: -

Nazionalità: Italiana

Nascita-morte: -

Riferimento geografico: Europa

Mezzo di trasporto: Bicicletta, monociclo, triciclo

Riferimenti complementari: Arrighi A., Figini C., A Capo Nord, Portogruaro: Ediciclo, 2004

ID: w1933

Internet: -

Wikidata: -

Write comment (0 Comments)

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Stefano Bolliger e Angelina Perrin sono partiti partiti nel 2007 in bicicletta da Lugano alla volta dell’India.

Giro del mondo in bici: partiti!
Angelina e Stefano hanno iniziato il loro viaggio in bicicletta, che li vedrà percorrere la Via della Seta.
Sono partiti. Sono montati in sella alla loro bicicletta e hanno iniziato il loro percorso che li porterà a visitare diversi paesi, fino ad arrivare in India.

Angelina Perrin e Stefano Bolliger sono partiti poco fa da Pazzallo, per questo singolare e suggestivo viaggio in bicicletta.

In un anno, come già vi abbiamo spiegato ieri, la coppia di giovani attraverserà l'Italia, la Grecia, la Turchia, la Siria, la Giordania, l'Egitto, l'Uzbekistan, l'Iran, la Cina, il Pakistan, fino ad arrivare in India.

Vi ricordiamo che il loro viaggio sarà monitorabile da metà settembre sul sito Internet http://sionroulait.blogs.marieclaire.fr.

http://www.tio.ch/News/Ticino/341712/Giro-del-mondo-in-bici-partiti/


Ils s'en vont pour 14 mois... à bicyclette !

Une jeune vendéenne et son compagnon sont partis hier de Suisse pour rejoindre l'Inde... à vélo. Objectif  : la défense de ce mode de transport propre.
Quatorze mois de vélo, de Suisse jusqu'en Inde ! C'est le projet un peu fou de la Vendéenne Angélina Perrin et de son compagnon Stéphane Bolliger. Dimanche, c'était le jour du grand départ : « Ça nous trottait dans la tête depuis plus de deux ans, raconte Angélina. Au début, c'était un simple rêve. Puis un jour, on s'est mis à y réfléchir plus précisément. On a regardé des cartes, imaginé l'itinéraire. C'est là qu'on s'est dit qu'il fallait vraiment qu'on le fasse. »

Le moteur de l'aventure · Promouvoir l'usage du vélo comme mode de transport alternatif et écologique, autant au quotidien qu'en vacances. « Le vélo fait partie de notre vie de tous les jours. Moi, j'habite désormais Paris, explique la Vendéenne. Je fais 26 km de vélo chaque jour, pour aller et revenir du travail. Sur un deux-roues, tout est plus pratique, on se sent libre. On profite mieux de la ville et on se sent en meilleure forme physique. Et puis c'est gratuit. »

Cette aventure, Angélina et Stéphane y ont déjà un peu goûté. Voilà des années que ces baroudeurs louent des deux-roues lors de leurs voyages à l'étranger. Au Maroc, à Bali, au Mexique... « C'était fabuleux ! On ne nous regardait pas comme des touristes sortant d'un bus ou d'un gros 4*4. Alors, on nous accueillait à bras ouverts. C'était fort de rencontres. »

L'été dernier, ils ont fait un galop d'essai : 600 km de Lugano, en Suisse, jusqu'à Venise : « Voyager ainsi change tout : on échappe aux voitures, on contemple des paysages fabuleux. Et quand on arrive à destination, on est contents, on l'a vraiment méritée cette destination de rêve ! Notre état d'esprit de vacanciers s'en trouve complètement bouleversé. »

« Pas des masochistes »

Angélina Perrin n'a pas hésité à vendre son appartement et prendre un congé sans solde pour que le rêve de son couple prenne corps. Tente de camping, réchaud et filtre à eau dans leur besace, ils prennent la route ce matin. Départ de Lugano, en Suisse, pour l'Italie puis la Grèce via un ferry. Puis viendront les Cyclades, la Turquie, la Syrie, la Jordanie... Jusqu'en Iran et la Route de la Soie. Cap vers l'Inde.

« Ce n'est pas un voyage de masochiste que nous entreprenons ! Nous ne sommes pas des têtes brûlées qui souhaitent braver tous les dangers. Non, nous voulons simplement montrer que si nous parvenons à le faire, c'est qu'il est possible pour beaucoup de monter sur un deux-roues. Au moins au quotidien. Et pourquoi pas faire Nantes-Bordeaux à vélo pour les vacances ? Stéphane et moi, on a convaincu des amis. Ils l'ont fait. Ils sont conquis ! »

http://www.larochesuryon.maville.com/actu/actudet_-ils-s-en-vont-pour-14-mois...-a-bicyclette-_15-432077_actu.Htm

Pseudonimo: -

Iscrizioni: -

Nazionalità: -

Nascita-morte: -

Riferimento geografico: Asia, Europa

Mezzo di trasporto: Bicicletta, monociclo, triciclo

Riferimenti complementari: Bolliger S., Perrin A., Sulla Via della Seta, La Città, luglio 2008

ID: w2367

Internet: -

Wikidata: -

Write comment (0 Comments)

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Nel 2011, dopo aver percorso 60 mila km in 3 continenti e 38 paesi in 14 mesi, conquistando un primato da Guinness per il più lungo percorso in quad (le moto a quattro ruote), due australiani hanno tagliato il traguardo a Sydney, in omaggio al compagno di squadra morto tragicamente a metà viaggio. Jamie Kenyon di 25 anni e Kristopher Teddy Davant di 27, noti come "Expedition Quad Squad", hanno attraversato sabato il ponte sulla baia sui loro mezzi, scortati dalla polizia e da centinaia di motociclisti, nella tappa finale di un viaggio iniziato a Istanbul.

I due ragazzi avevano quasi rinunciato dopo la morte del compagno, l’italiano Valerio De Simoni di 24 anni, la cui moto era stata travolta da un’auto fuori controllo in Malawi, nel marzo di quest’anno. L’investitore cercava di sfuggire all’inseguimento della polizia, per evitare di pagare una multa di divieto di sosta. Oltre a demolire il record precedente di 27.141 km, la Quad Squad ha usato l’avventura per sostenere la Ong Oxfam e ha raccolto l’equivalente di circa 40 mila euro per la lotta alla povertà. Dopo aver attraversato in trionfo il Sydney Harbour Bridge, Kenyon e Davant sono stati accolti da una folla di ammiratori in uno spiazzo davanti alla baia. La madre di Valerio, Vittoria Pasquini, li ha ringraziati per aver completato il viaggio in onore del figlio e ha annunciato la creazione di un’associazione in sua memoria, in aiuto dei giovani profughi dalle guerre in Afghanistan e in Africa (fonte: Ansa).

 

Pseudonimo: -

Iscrizioni: -

Nazionalità: Italiana

Nascita-morte: -

Riferimento geografico: Giro del mondo

Mezzo di trasporto: Automobile o altri mezzi a motore

Riferimenti complementari: -

ID: w1843

Internet: -

Wikidata: -

Write comment (0 Comments)

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

De Hass fu console americano a Gerusalemme: nel 1879 riuscì a battere il record di Phileas Fogg. Secondo quanto riportato da alcuni periodici dell'epoca, impiegò 68 giorni.

Il signor de Hass, console d'America a Gerusalemme, ci racconta un importante giornale geografico di Germania, Die Hansa, non ci ha impiegato che 68 giorni; egli ha fatto in 20 giorni il tragitto da Alessandria a San Francisco per Brindisi, Parigi, Londra e Nuova Yorck; in altri 20 giorni è andato da San Francisco a Yokohama; 6 giorni li ha impiegati per recarsi da Yokohama ad Hong-Kong; in 10 giorni fece il tragitto da Hong-Kong a Ceylan, ed in 12 giorni quello da Ceylan a Suez, d'onde in poche ore passò ad Alessandria. 

Il giro del mondo. Illustrazione Italiana, 5 gennaio 1879, n.1.

 

Pseudonimo: -

Iscrizioni: -

Nazionalità: Americano

Nascita-morte: -

Riferimento geografico: Giro del mondo

Mezzo di trasporto: Diversi

Riferimenti complementari: -

ID: w2846

Internet: -

Wikidata: -

Write comment (0 Comments)

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Il percorso di Nicola Pfund si snoda lungo i confini della Confederazione Helvetica, per un totale di 1'140 km: "Cercavo una nuova sfida ed eccola qua a portata di mano".

La corsa trasforma l’uomo in un filosofo
Ci sono diversi buoni motivi per iniziare a correre. Nicola Pfund ne ha raccolti 69 in un libro a portata di tutti

Il massimo per l’ex-triatleta autore del libro “La filosofia del Jogger- il piacere di fare sport per vivere meglio”, sarebbe uscire di casa e vedere un mondo che corre e non perché c’è la spesa da fare, i figli da prendere a scuola, la posta che chiude; ma per il puro piacere che questa attività fisica è in grado di dare a chi decide di abbracciarla. “La prima buona ragione per iniziare a praticare jogging, è legata al benessere psicofisico che ritrovi dopo che hai corso anche solo una mezzoretta – spiega infatti Nicola -La seconda invece è come stai mentre corri. Arrivati a sera il cervello è saturo di pensieri che poi quando vai a correre hanno quasi la pretesa di venire con te e invece piano piano si scrollano, falcata dopo falcata li perdi, la mente si svuota”.

È diventato filosofo correndo o viceversa? "In realtà ho studiato anche filosofia ma al di là di questo, quando si lascia un po’ da parte il cannibalismo agonistico,  si trova  un rapporto con se stessi molto di verso, si riesce ad apprezzare il momento, il  famoso “qui e ora”. Insomma si è centrati su se stessi, cosa che la nostra società e la nostra cultura sportiva non sono ancora abituate a fare. L’attività fisica è ancora molto legata a un’idea di utilità: nota scolastica, vittoria, medaglie…Tutto può essere ricondotto all’idea che lo sforzo è legato al lavoro, il sudore è fatica e chi suda deve guadagnare qualcosa se no non ha senso faticare. Il benessere ottenuto attraverso il sudore è qualcosa che dalle nostre parti non è ancora acquisito, al contrario in altri luoghi  il jogging è praticato con questa finalità, per stare bene".

Com’è diventato triatleta? "Da giovane ho giocato per molto tempo a basket, mi piaceva tantissimo il gioco di squadra e a quell’età non avrei mai fatto triathlon, anche se già nuotavo, correvo e andavo in bicicletta.  Quando però il triathlon è approdato alle nostre latitudini, i tempi erano maturi e infatti è stato amore a prima vista".

Come ci si disintossica dall’agonismo? "Credo sia un’evoluzione di sportivo: dal gioco di squadra agonistico, si passa a uno sport più individuale in cui però c’è sempre l’altro da battere;  abbandonato anche quel tipo di competizione si entra  in una dimensione dove non c’è più spazio per l’agonismo e il confronto con l’altro perde significato. Si fa sport per amore dello sport e del benessere che ti dà".

Jogger o runner? "Il runner mira soprattutto al risultato in modo a volte anche un po’ esasperato.  Il jogger corre con un altro spirito dove l’agonismo  passa in secondo piano. Il jogger  è il punto più alto… è il filosofo della corsa".

Vogliamo  tutto e subito come superare questo errore? "Dobbiamo cambiare atteggiamento e avere come punto di riferimento noi stessi non i campioni che finiscono in prima pagina sui giornali. I veri protagonisti sono le persone normali che riescono a fare quel passo per iniziare e poi continuare a correre. Le casalinghe che incontro spesso per esempio, quelle sono da ammirare, non  il professionista che si allena. La nostra società ci toglie un po’ questo modo di vivere l’attività fisica e lo fa in parte già a scuola, dando una nota alle capacità sportive di ognuno. Ma tutti possono fare sport pur non essendo dei campioni. Bisogna entrare nell’ottica di ottenere il meglio che si può con quello che si ha e si è".

Il posto più bello dove ha corso? "Ce ne sono moltissimi il primo che mi viene in mente però è Central Park, quando corri lì ti sembra di essere dentro a un film…"

In Ticino? Molti anche qui… Adesso mi viene in mente il giro del laghetto del Ritom. Vado su in bicicletta da Prato e poi faccio il giro del lago a corsa. Fantastico.

Perché cominciare? La corsa ti può regalare un sogno (o un senso?) di benessere, ti può dare quella serenità che spesso rincorriamo e che non riusciamo a raggiungere. La corsa è un tempo che ti permette di raggiungere te stesso. Bisogna provare, con moderazione piano piano… L’importante, come sempre, è cominciare; e tranquilli, nessuno vi corre dietro!"

http://www.tio.ch/News/People/People/735582/La-corsa-trasforma-l-uomo-in-un-filosofo/

 

Pseudonimo: -

Iscrizioni: -

Nazionalità: Svizzera

Nascita-morte: -

Riferimento geografico: Svizzera

Mezzo di trasporto: Bicicletta, monociclo, triciclo

Riferimenti complementari: Pfund N., La Svizzera in bicicletta : un viaggio a due ruote nella patria di Guglielmo Tell, Fontana, 2008

ID: w2376

Internet: http://triathletaperpassione.blogspot.ch/

Wikidata: https://www.wikidata.org/wiki/Q3876318

Write comment (0 Comments)

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Negli anni Trenta Annemarie Schwarzenbach partecipò a diverse campagne di scavi archeologici in Iran e Siria. Pubblicò diversi articoli relativi ai suoi viaggi negli Stati Uniti; nel 1939 accompagnò Ella Maillart in un lungo viaggio in automobile che le portò in India, passando in Iran ed Afghanistan. Morì il 6 settembre 1942 a seguito di un incidente in bicicletta.

Fortemente androgina, apertamente lesbica, grande viaggiatrice, dipendente da alcol e droghe (morfina in particolare), ribelle e contrastata, la Schwarzenbach fu una delle controverse protagoniste della vita culturale bohémien mitteleuropea tra la prima e la seconda guerra mondiale.

Nata in una ricca famiglia di industriali svizzeri del settore tessile con forti simpatie naziste, entrò nel circolo di Erika e Klaus Mann, i figli di Thomas Mann, e fu proprio grazie al loro incoraggiamento che intraprese la professione di scrittrice.

Dal 1933 partecipa in Oriente ad alcune campagne di scavi archeologici. Soggiorna per periodi più o meno lunghi in Siria e in Iran. Il 25 maggio 1935 sposa Claude Clarac, diplomatico francese a Teheran, perdendo la cittadinanza elvetica, ma acquisendo un passaporto diplomatico.

Viaggia molto negli Stati Uniti, dove realizza diversi servizi giornalistici e fotografici pubblicati in diversi quotidiani svizzeri. Nel 1939 intraprende, insieme alla ginevrina Ella Maillart, quella che probabilmente resta una delle sue imprese più emozionanti raggiungendo in automobile il continente indiano. Per farlo attraverseranno, tra gli altri stati, l'Iran e l'Afghanistan. Al termine del loro itinerario, che le trova a Kabul proprio mentre in Europa scoppia la seconda guerra mondiale, la Maillart scriverà un libro che in italiano è tradotto con il titolo La via crudele. Due donne in viaggio dall'Europa a Kabul (EDT, Torino, 2001) e dove la Schwarzenbach è descritta con lo pseudonimo Christina.

Dopo la sua morte, avvenuta per le conseguenze di un incidente in bicicletta accadutole il 6 settembre 1942, la Schwarzenbach cade nell'oblio fino alla metà degli anni 1980, quando l'editore svizzero Huber iniziò a ripubblicare le sue opere. Roger Perret ha curato, per l'editore Lenos di Basilea, la stampa di alcuni testi inediti, lasciati all'Archivio svizzero di letteratura presso la Biblioteca nazionale svizzera a Berna. In questo fondo, oltre ai manoscritti, alla corrispondenza e ai lavori nell'ambito giornalistico sopravvissuti alla distruzione da parte della madre e della nonna, si trovano circa 7.000 fotografie che documentano i diversi viaggi intrapresi da Annemarie Schwarzenbach negli anni 1933-1942.

https://it.wikipedia.org/wiki/Annemarie_Schwarzenbach

Pseudonimo: -

Iscrizioni: -

Nazionalità: Svizzera

Nascita-morte: 1908-1942

Riferimento geografico: Asia, Europa

Mezzo di trasporto: Diversi

Riferimenti complementari: -

ID: w2492

Internet: https://it.wikipedia.org/wiki/Annemarie_Schwarzenbach

Wikidata: https://www.wikidata.org/wiki/Q123368

Write comment (0 Comments)

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

I fratelli Dave e John Kunst sono state le prima persone che si sono ufficialmente cimentate nel giro del mondo a piedi. L'avventura ha avuto inizio il 20 giugno 1970 da Waseca ed è finita il 5 ottobre 1974. A portare a termine il periplo di 14'500 miglia fu solo Dave: il fratello John fu colpito a morte da una banda di banditi in Afghanistan. L'altro fratello Pete accompagnò Dave dal punto in cui John fu ucciso.

Minnesotan's around-the-world walk remembered, 30 years later Tracy Swartz, Star Tribune, 06.11.2004

It took four years, 21 million steps and 22 pairs of leather shoes for Dave Kunst to complete his record-making and tragedy-marred 14,450-mile walk around the Earth in 1974. With $1,000 and camping gear strapped to a mule named Willie Makeit, Dave and John Kunst had left Waseca four years earlier to find adventure -- and a place in the Guinness Book of World Records. The brothers visited Princess Grace in Monaco, met Norwegian explorer Thor Heyerdahl and became the first non-Asians to walk through the Khyber Pass since Alexander the Great. But in Afghanistan, one of the last countries in the trip, bandits shot and killed John. Four months later, Dave resumed the journey with another brother, Pete, and returned to Waseca in October 1974. Neither brother has spent much time in Minnesota in the past 30 years, but they are returning now for a celebration in Caledonia, in southeastern Minnesota, where they will unveil a sign at the northern edge of town honoring them for the around-the-world walk. It's part of Caledonia's 150th anniversary festivities, which run through the weekend and include a parade with Dave, 64, and Pete, 59, as grand marshals. They'll walk the route. "It's an education for the younger generation," said Irma Klug, a Kunst family friend and Caledonia resident for nearly 80 years. "They're very interested once they hear" about the Earth walk. Idea came at work Born and raised in Caledonia, Dave Kunst moved to Pensacola, Fla., after eighth grade. He returned to Minnesota shortly thereafter, living in Caledonia and Owatonna before moving to Waseca, a south-central city of about 8,500 residents. Married with three children, Kunst worked as a county surveyor while moonlighting as a projectionist for the Waseca theater. It was there in January 1970 that the idea for walking around the world was conceived. The moon landing the summer before had sparked Kunst's interest in adventure. Then 30, he talked about traveling to the tip of South America or driving across the Australian outback. But the theater owner challenged Kunst to do something no one else had ever done: Walk around the world. Kunst got his brother John, a recent University of Minnesota graduate, to go along. "John and I had never been anywhere," Kunst said in a telephone interview. "We were very naive on this. We spread a world map on the living room floor and tried to do a circle as much as possible." The plan was to walk through the United States, Europe and the Soviet Union. They set a date -- June 20, 1970 -- and spent the next six months at the library researching the countries. U.S. Sen. Hubert Humphrey gave them a letter of recommendation; the mayor of Waseca suggested that they carry a scroll to be signed by officials at every stop. Before they left, a Minneapolis woman suggested that the brothers bring a mule to carry their gear and to show they were not hitchhikers. "The scroll, Humphrey's letter, the mule -- that's what really made it for us," Dave Kunst said. So on June 20, 1970, they started their journey, walking from Waseca to New York and then flying to Portugal, where they were given a second mule. They walked through Spain, France and Italy, where they met Norwegian adventurer Thor Heyerdahl in a restaurant and told him of their plans. He laughed and petted the mule. Death in the foothills The Kunsts were curiosities throughout the trip, giving interviews about what they were doing and about their quest to raise money for UNICEF, the United Nations children's fund. In Afghanistan, a reporter erroneously wrote that the brothers were traveling with the donations. At the foothills of mountains near Kabul, bandits shot Dave and John. John died along the road and Dave, suffering from a bullet wound in his upper chest, survived by playing dead. He spent 20 days in a hospital in Afghanistan before flying back to Minnesota, more than 6,000 miles shy of his goal. After recuperating for 3 months, Dave Kunst decided to continue his trip. Pete accompanied him this time, and they flew to Afghanistan and began their journey from the spot where John was killed. Dave kept with him a note John wrote while they were struggling through Turkey: "It's like a play. With all the actors playing their parts right up to the tragic ending." More troubles ahead Dave and Pete were denied access to the Soviet Union and China so they flew from India to Australia, where they touched the Indian Ocean. "If we were to walk across the Soviet Union, we would only have walked the Northern Hemisphere," Dave Kunst said. "We actually really did circle the Earth." They hit a few snags in Australia. Officials there wouldn't allow the mule into their country, so they got their third mule. Pete had to go back to work, so his journey ended in Australia. And the new mule died. About to abandon his wagon, Dave met Jenni Samuel, a Perth schoolteacher who took the mule's place by towing the wagon from her car while he walked alongside. After walking across Australia at 30 miles a day and touching the Pacific Ocean, he flew to California and began walking toward Minnesota. He was in Iowa in 1974 when he told a Minneapolis Tribune reporter he "had no idea there were so many damn dumb foreigners in this world," that marriage was a bad idea and that he didn't think highly of Waseca. "I'm doing this for myself mainly. I was tired of Waseca, tired of my job, tired of a lot of little people who don't want to think, and tired of my wife," Kunst said in the interview. "The walk was a perfect way to change all that: I just walked out of town." He ended up divorcing his wife and marrying Samuel, who will be with him in Caledonia. Kunst said he doesn't regret the comments he made 30 years ago, even though some Waseca residents, including the mayor, didn't show up when he made it back to town. Reliving the walk About 100 people are expected this evening for the unveiling of the sign that reads: "Caledonia: Birthplace of the Earthwalkers David, Peter and John Kunst." The sign, which cost $6,500, will be covered by a tarp until then. About 40 residents and businesses helped pay for the sign, which is accompanied by a bronze plaque telling the brothers' story. Afterward, the surviving Kunst brothers will be signing the two books they wrote about the walk. They'll lead Saturday's parade, accompanied by yet another mule, while family members ride in a replica wagon. "I'm so thrilled and so honored and so excited," Dave Kunst said. After completing his trip in 1974, he moved to Australia for a year, then came back to Minnesota to be a projectionist in St. Paul before moving to California. Kunst toured schools there, telling children about his travels on four continents and in 13 countries. These days, Kunst said he walks about 2 miles each day with Samuel by their home near Newport Beach, Calif. This week they drove three days in a Mustang convertible to return to Minnesota. "The walking's over," Kunst said.

(Ollie Smith, www.expertsure.com)

 

Pseudonimo: Earthwalkers

Iscrizioni: -

Nazionalità: Americana

Nascita-morte: -

Riferimento geografico: Giro del mondo

Mezzo di trasporto: A piedi

Riferimenti complementari: -

ID: w2162

Internet: -

Wikidata: -

Write comment (0 Comments)

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Lilian Leland viaggiò da sola per 60'000 miglia attorno al globo. Partita all'età di 25 anni, impiegò due anni per terminare il viaggio, almeno secondo quanto riportato nel volume pubblicato successivamente nel 1890. Ma le attestazioni oggettive sono poche. Come segnala Scatamacchia "molto probabilmente il viaggio non aveva mai avuto luogo e il libro era stato scritto da qualcuno che voleva sfruttare l'interesse per le donne che viaggiavano da sole, generato dal successo di Nellie Bly, al fine di vendere un testo che rispondeva alla curiosità del pubblico" (Scatamacchia, 2002, p. 372) .

The successful accomplishment of a journey of nearly sixty thousand miles, made by a young woman, traveling alone, is calculated to excite wonder and admiration ; and when the record of that journey is replete with original thought, the emanations of a bright intellect, it possesses a special interest.

Lilian Leland, at the age of twenty-five, without premeditation or preparation, started upon a voyage which, unexpectedly, became the commencement of a journey which carried her around the world, to many lands and on many seas, from Cape Horn to the North Cape and from the Rocky Mountains to the Himalayas ; but little less than sixty thousand miles in distance and covering a period of about two years.

She traveled without escort or protection except chance acquaintances met on the way.

No woman has ever traveled so far alone, with the single exception of Ida Pfeiffer who went twice around the world. Next to Lilian Leland is Isabella Bird, whose admirable books have earned for her a well deserved fame.

Leland L., Traveling alone. A woman's journey around the world, New York, The American News Company, 1890

Pseudonimo: -

Iscrizioni: -

Nazionalità: Americana

Nascita-morte: -

Riferimento geografico: Giro del mondo

Mezzo di trasporto: Diversi

Riferimenti complementari:

Leland L., Traveling alone. A woman's journey around the world, New York, The American News Company, 1890

Scatamacchia C., Nellie Bly: Un'avventurosa giornalista e viaggiatrice americana dell'Ottocento, Perugia : Morlacchi Editore, 2002

ID: w2182

Internet: https://archive.org/details/travelingalonewo00lela

Wikidata: -

Write comment (0 Comments)

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Giro di Francia e del Belgio intrapreso dai due mutilati Terwagne e Grandjon. Sulla loro cartolina i due disabili annunciano molto sfarzosamente che il loro mezzo permette di aggirare le leggi della meccanica...

 

Pseudonimo: -

Iscrizioni: Tour de France et de Belgique par deux mutilés du travail, sur cet appareil original, tournant dans tous les sens et se pilotant par des moyens trompant les lois de la mécanique. Cet appareil a été conçu et construit entièrement par eux.

Nazionalità: -

Nascita-morte: -

Riferimento geografico: Europa

Mezzo di trasporto: Bicicletta, monociclo, triciclo

Riferimenti complementari: -

ID: w1985

Internet: -

Wikidata: -

Write comment (0 Comments)

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Nel 1913 la famiglia Fenton, composta da 9 persone accompagnate da un cavallo e un cane, si lancia nel classico coast to coast.

 

Pseudonimo: -

Iscrizioni: Walking from Schenectady, New York, To California

Nazionalità: Americana

Nascita-morte: -

Riferimento geografico: Stati Uniti

Mezzo di trasporto: Carro

Riferimenti complementari: -

ID: w1929

Internet: -

Wikidata: -

Write comment (0 Comments)

Giramondo, Globetrotters, Globetrotteurs

Make a donation

Buy us a beer… This documentation is at your disposal for free. Please consider supporting our efforts.



Submit link

Suggerisci collegamento - Soumettre un lien - Link melden

Loading, please wait..

Submit globetrotter's name

Loading, please wait..

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by L.THEME